SCUOLE SICURE

Sin dai primi giorni di amministrazione, abbiamo prestato attenzione alla sicurezza degli edifici scolastici del territorio di ogni ordine e grado, con particolare attenzione sulla vulnerabilità sismica, investendo importanti risorse economiche sull’adeguamento sismico, sollecitati anche dallo sciame sismico che ha duramente colpito il nostro territorio.

Tra gli edifici presenti nel territorio l’attenzione si è rivolta verso tutti, senza discriminare quelli di periferia, anzi prestando a questi ultimi maggiore attenzione, sia perché di meno recente costruzione sia perché erano stati trascurati in passato.

Sugli edifici attenzionati sono state effettuate le valutazioni di Vulnerabilità sismica e si è messo in programma una serie di lavori affinché vengano rimosse tutte le criticità emerse.

Nel dettaglio, presso la scuola materna Acquaviva, sono stati effettuati importanti lavori di adeguamento ed altri sono in programma: si è proceduto all’inserimento di un giunto sismico, agli ammorsamenti delle pareti al piano terra, alla rimozione e sostituzione della pensilina in cemento armato presso l’ingresso e alla verniciatura di tutti gli interni e sono state rimosse le vulnerabilità emerse.

Sono inoltre stati pianificati altri 3 interventi fra i plessi Acquaviva, Cerretano e Fornaci nella convinzione che la sicurezza scolastica deve migliorare, anno dopo anno, con continuità, senza lasciare nulla al caso.

Per quanto riguarda invece la costruzione della Nuova Scuola Media, ci è doveroso sottolineare che è stato encomiabile il lavoro dell’amministrazione sulla gestione della ricerca dei finanziamenti senza gravare sulle casse Comunali, senza cioè accendere ulteriori mutui e spostare alle prossime gestioni amministrative e quindi ai cittadini, l’onere di dover pagare gli interessi che avrebbero poi limitato se non reso impossibili altri investimenti in manutenzione del territorio.

Infatti partecipando al Bando del MIUR per l’edilizia scolastica, è stato ottenuto il finanziamento del primo plesso per il 2018 per un importo di 3,55 ml Euro su un totale di 4,5 ml Euro: per quanto riguarda il secondo lotto invece è previsto una seconda tranche per il 2019, liberando importanti risorse già destinate a tale costruzione e rendendo più appetibile l’appalto anche ad aziende del territorio. 

Ora subito al lavoro per iniziare i lavori al più’ presto.

Rispondi